Chiesa della Pioppa

Tu sei qui

Tra i secoli XVI e XVII, dentro e fuori dell’abitato, esistevano tre oratori pubblici. Tra il 1490 e il 1500 fu eretto dalla famiglia Malvezzi quello della Beata Vergine della Pioppa. L’oratorio venne intitolato alla Madonna, e raccolse una immagine collocata precedentemente su un pioppo all’ inizio del viale alberato.
Successivamente vi fu eretto un altare dedicato a San Rocco, protettore della peste, con una pala che lo raffigura ed attribuita al pittore Bolognese Ludovico Carracci. Attualmente all’interno dell’oratorio si può ammirare una copia di ottima fattura, recentemente restaurata.
Benedetto XIV, padrino dell’arciprete del paese Don Zanini, regalò molte reliquie di Santi che furono conservate nell’oratorio.
Il corpo quadrato del vano centrale si dilata in tre cappelle, formando in tal modo una croce greca che è priva, però, del braccio sul lato di ingresso. Quest’anomalia compositiva non era presente nell’edificio originale, ma fu il frutto di un intervento apportato nel 1763, per arretrare la facciata della chiesa e consentire una prospettiva indisturbata del Borgo dal viale alberato.

Chiese